CON COMPETENZA E INSIEME PER LA QUALITÀ DELLA VITA

I Servizi psichiatrici dei Grigioni (PDGR) forniscono cure psichiatriche per bambini, adolescenti e adulti nel Cantone dei Grigioni. Questo compito comprende l’assistenza ospedaliera e ambulatoriale, la fornitura di day hospital, nonché di gruppi abitativi e luoghi di lavoro per persone con disabilità psichiche e mentali. I nostri servizi sono disponibili anche per pazienti e clienti che provengono al di fuori del cantone e dall’estero.

Rispettiamo l’individualità e la dignità di ogni essere umano e trattiamo i nostri pazienti e i loro familiari con rispetto e tolleranza nel nostro lavoro quotidiano.

Emergenza / Intervento in caso di crisi

In caso di pericolo acuto di suicidio o di azioni pericolose e irrealistiche di una persona è possibile chiamare i seguenti numeri:

Telefono di emergenza della polizia 117
Telefono Servizio Medico d’Emergenza 144

Reparto D 11 – Clinica d’emergenza Waldhaus Coira

La clinica Waldhaus Coira dispone di un pronto soccorso attivo 24 ore su 24. La strada di accesso è segnalata con il cartello “Emergenza / Notfall” nei locali della clinica e può essere raggiunta con un veicolo.

Servizi psichiatrici Grigioni
Clinica Waldhaus
Loëstrasse 220
7000 Coira

Telefono 058 225 20 20

Siamo raggiungibili 24 ore su 24.

Nei fine settimana e nei giorni festivi per la Valle del Reno Grigionese, lungo l’asse Maienfeld – Thusis, offriamo cure ed assistenza a pazienti con crisi psichiatriche acute nell’ambiente domestico o sul posto. Il team di trattamento è composto da un medico e da un’infermiera qualificata ed esperta.

Telefono 058 225 19 19

Dal lunedì al venerdì:
08.00 – 12.00 e 13.30 – 17.00

Al di fuori degli orari menzionati:
Medico di servizio del Cantone dei Grigioni

Durante gli orari d’ufficio, genitori, bambini e medici di riferimento possono presentarsi alla sede centrale della KJP, Masanserstrasse 14, 7000 Coira. Al di fuori dei normali orari lavorativi, i medici di medicina generale e i medici di emergenza della regione sono responsabili delle emergenze psichiatriche infantili e adolescenziali.

Numeri regionali dei medici di servizio nel Cantone dei Grigioni.

PSICHIATRIA ADULTI

Curiamo e ci occupiamo di tutti i disturbi psichiatrici e forniamo diverse cure e assistenze sotto forma di consulenze ambulatoriali, servizi a domicilio, strutture diurne, gruppi abitativi e pensionati, nonché ricoveri ospedalieri.

L’ansia è un’emozione complessa che si verifica ovunque, che a priori non ha un valore patologico. La natura patologica dell’ansia si trova principalmente nella sua maggiore intensità e durata, nonché nel suo verificarsi in una particolare situazione. È un disturbo molto comune, che spesso si verifica contemporaneamente ad altri disagi psichici. Disturbo d’ansia è un termine che indica un disagio psichico in cui vi è o un’esagerata paura generale e poco chiara, paura in certe situazioni sociali, attacchi di panico o una paura concreta (fobia) di un oggetto o di una situazione. Un disturbo d’ansia spesso porta con sé un notevole stress e un deterioramento della vita quotidiana e/o lavorativa.

Noi vi aiutiamo

L’ansia può essere stressante, disabilitante e tormentante, ma non sempre richiede un trattamento. Se l’ansia tuttavia si verifica senza una minaccia realistica, allora dura a lungo, paralizza, porta a comportamenti di evitamento e si verifica una forte paura dell’aspettativa (paura della paura) ed è necessario un trattamento professionale. Sono disponibili farmaci e forme di trattamento psicoterapeutico. Nella terapia viene spesso utilizzata una combinazione di entrambi. Elementi centrali del trattamento sono l’educazione sulla malattia e la sua cura, l’insegnamento di una filosofia di vita pratica, l’esposizione alle situazioni temute, le strategie cognitive, l’apprendimento di varie tecniche di rilassamento e il rafforzamento della competenza sociale e dell’autostima.

Sintomi

La caratteristica principale dei disturbi sociali di ansia e panico è la pronunciata paura di essere giudicati da altre persone. Le persone colpite vivono situazioni di stress e cercano di evitarle. Oltre all’ansia come sintomo centrale, nella persona colpita possono verificarsi una serie di disturbi psicologici e fisici. Questi possono essere:

  • Vertigini
  • Sudorazione
  • Arrossamenti
  • Inibizione del linguaggio
  • Palpitazioni
  • Nausea
  • Tremori
  • Impulso di urinare o defecare
  • Diarrea
  • Debolezza nelle ginocchia

Cause

Diversi fattori sono sempre coinvolti nello sviluppo del disturbo d’ansia sociale. Gli eventi stressanti del passato, le difficoltà nell’ambiente sociale o la comparsa improvvisa di stress o lo stress psicofisico più duraturo possono contribuire all’insorgenza della malattia. In specifiche fobie l’ansia è causata da situazioni, eventi o oggetti chiaramente definiti, generalmente innocui, come i ragni, il sangue, le iniezioni, l’altezza, il rossore o il volo.

Fino al 20% della popolazione una volta nella vita soffre di un episodio depressivo. La depressione cambia l’intera persona in modo profondo nei sentimenti, nel pensiero, nel comportamento e nelle funzioni fisiche. Il burnout, in particolare, porta ad uno squilibrio tra le proprie esigenze e i compiti da svolgere entro un certo lasso di tempo. Un’altra malattia che è associata a gravi sbalzi d’umore è il disturbo bipolare, precedentemente chiamato anche malattia maniaco-depressiva. Le persone colpite soffrono di disturbi depressivi e ipomaniaci o condizioni maniacali.

Noi vi aiutiamo

Aiuto per la vostra depressione

La depressione è di solito ben curabile. Sono disponibili una vasta gamma di farmaci moderni, vari metodi psicoterapeutici, terapia della luce, deprivazione del sonno e terapia elettroconvulsivante (TEC). Il fattore decisivo in questo caso è la capacità del terapeuta di riconoscere il paziente nella sua totalità come individuo unico e speciale. Sulla base di un rapporto empatico viene elaborato un piano di trattamento individuale che può essere adattato all’occorrenza. Non è raro che la giusta combinazione di questi metodi di trattamento così differenti porti al successo desiderato.

Aiuto per il vostro burnout

La diagnosi è confermata sulla base di un colloquio di anamnesi con un medico o uno psicologo e da test psicologici. Per ottenere un decorso ottimale del trattamento è importante che prima di tutto si riconosca e si accetti la necessità del trattamento e si riducano o addirittura si eliminino i fattori di stress. Anche la vostra situazione lavorativa e familiare sarà presa in considerazione nella valutazione complessiva e, dopo avervi consultato, si terranno discussioni con il vostro datore di lavoro e i vostri familiari. Il secondo passo è quello di entrare in uno stato di rilassamento e ricaricare le “batterie” con sport ed esercizio fisico, sonno sufficiente e cibo sano. Con l’aiuto delle varie forme di terapia e trattamento imparerete ad affrontare il vostro perfezionismo e idealismo, imparerete a dire “no”, rinnoverete e manterrete i vostri contatti sociali, vi prefiggerete obiettivi realistici e riconoscerete l’importanza di una gestione ottimale del tempo. Altri aspetti importanti sono il rafforzamento delle proprie risorse e l’apprendimento di tecniche di rilassamento per la vita quotidiana.

Aiuto per la vostra depressione postnatale

L’offerta del reparto materno-infantile della Clinica Beverin si rivolge alle madri con un disagio psichico che hanno bisogno di cure ospedaliere e che desiderano rimanere con il loro bambino. Il nuovo ruolo di genitore è una sfida emotiva e fisica che richiede tutto soprattutto nei primi mesi. Il deficit di sonno che ne deriva e gli enormi cambiamenti ormonali dopo il parto e durante l’allattamento sono fattori che possono scatenare forti stati di stanchezza.

Provare dolore è un’esperienza quasi quotidiana ed è essenziale per la sopravvivenza. Il dolore ha una funzione di avvertimento e di protezione, indicando una lesione o una minaccia di danno ai tessuti. Se il dolore persiste per un periodo di tempo più lungo o è ricorrente, allora si parla di dolore cronico. Il dolore cronico ha perso la sua funzione di avvertimento e si trasforma da sintomo in malattia – si è sviluppata una cosiddetta memoria del dolore. Se le persone colpite sono fisicamente, psico-cognitivamente e socialmente limitate, hanno bisogno di un sostegno psichiatrico.

Noi vi aiutiamo

I dolori cronici portano ad un’attivazione del sistema nervoso vegetativo. Se la persona interessata teme il dolore come espressione di una malattia pericolosa, il dolore è alimentato da questa paura, cosa che porta ad un circolo vizioso.

Sintomi

I dolori colpiscono una parte specifica del corpo o si muovono attraverso diverse articolazioni o gruppi muscolari. A volte si verificano ovunque e spesso portano a un esaurimento generale. Forme speciali di dolore sono i cosiddetti mal di testa da tensione ed emicranie. Gli esperti parlano di dolore cronico se il dolore è presente da almeno tre a sei mesi. A ciò si contrappone un dolore acuto, che si manifesta improvvisamente, senza una regolarità riconoscibile, spesso innescato da un evento esterno come contusioni, distorsioni, colpi, fratture, ustioni o punture di insetti.

Cause

Chiunque può sviluppare un disturbo del dolore. Le fasce d’età più vulnerabili comprendono le persone in attività tra i 35 e i 55 anni. Le persone che soffrono di un disturbo del dolore hanno vissuto per molto tempo, prima che il primo dolore si manifesti, situazioni di stress in settori importanti della vita. Tali sovraccarichi, paure, stress o anche svogliatezza si manifestano nel tempo sotto forma di dolore.
Il trattamento e la rottura di questo circolo vizioso avviene in modo adattato alla rispettiva forma di dolore e consiste in una combinazione di:

  • Psicoterapia
  • Tenere diari del dolore
  • Terapia del respiro, terapia craniosacrale, massaggi parziali del corpo e massaggi della testa
  • Terapia del movimento e fisioterapia
  • Terapia farmacologica, compresa la fitoterapia
  • Apprendimento di tecniche di rilassamento
  • Training dell’accuratezza e del piacere
  • Training di competenze sociali ed emotive
  • Terapia dell’espressione e attivazione

In psichiatria geriatrica, nota anche come psichiatria gerontologica, vengono curate e accompagnate le persone nella seconda metà della vita con disturbi psichici o in situazioni di crisi. Ne appartengono le persone affette da depressione in età avanzata, demenze come il morbo di Alzheimer, malattie deliranti, esperienze di perdita, malattie neurologiche come il Parkinson o dipendenze.
L’attenzione si concentra su un trattamento individuale, basato sulle esigenze. L’obiettivo è una stabilizzazione duratura e la riconquista della migliore autonomia e indipendenza possibile nella vita quotidiana. Nella psichiatria geriatrica offriamo servizi ambulatoriali, stazionari e cliniche diurne.

Noi vi aiutiamo

In caso di evidente dimenticanza, mancanza di concentrazione, disturbi dell’orientamento, disturbi comportamentali o di ritiro sociale, offriamo un programma diagnostico collaudato. La diagnosi di demenza viene effettuata in due giorni consecutivi.
A complemento degli esami già effettuati dal medico di famiglia vengono effettuati i seguenti chiarimenti:

  • Esami psichiatrici, neurologici e neuropsicologici
  • RM e TAC della testa
  • Test di laboratorio
  • Osservazione e supporto durante una giornata da parte di personale infermieristico qualificato

Le assegnazioni da parte di un medico sono accettate al n° di telefono 058 225 21 08 o con il modulo di assegnazione. Eseguiamo valutazioni di demenza presso la Clinica diurna di psichiatria generale a St. Moritz, la Clinica diurna gerontopsichiatrica a Ilanz e nella Clinica Waldhaus a Coira.

Training cognitivo ambulatoriale

Il training cognitivo è un training olistico che promuove la concentrazione e la percezione, stimola il pensiero creativo e migliora la memoria e le capacità mnemoniche. Aumenta la forma fisica psichica senza stress e pressione per le prestazioni e dovrebbe essere divertente e piacevole. Si rivolge agli adulti che vogliono mantenere o migliorare le loro prestazioni cerebrali, ad es. in caso di lieve limitazione cognitiva o di demenza incipiente. In gruppi vengono eseguiti secondo le più recenti conoscenze scientifiche degli esercizi dalla vita quotidiana. Sotto la direzione di una psicologa e terapeuta specialista per il training cognitivo, ogni giovedì dalle 15.00 alle 16.15 si svolgono incontri di gruppo presso la Clinica diurna gerontopsichiatrica di Coira.

L’iscrizione è richiesta in anticipo al numero 058 225 21 08.

Offerta giornaliera 55plus

L’offerta è rivolta principalmente a persone che soffrono di Alzheimer o di un’altra malattia legata alla demenza. L’obiettivo del trattamento è, attraverso vari programmi di attivazione e sociali, di promuovere le capacità esistenti delle persone interessate e di mantenere l’indipendenza il più a lungo possibile. L’offerta inoltre sgrava e supporta anche i familiari che si prendono cura nei loro compiti di assistenza. I pazienti non devono avere bisogno di cure e non devono correre il rischio di scappare.

L’offerta è disponibile nelle cliniche psichiatriche generali di Davos, Glarona, Scuol e St.Moritz.

Trattamento nella clinica diurna

La clinica diurna gerontopsichiatrica è una struttura ambulatoriale che si occupa del trattamento di persone anziane che soffrono di un disagio psichico o di una crisi. I pazienti sono trattati in due diversi programmi di gruppo. Un programma è rivolto alle persone che soffrono di Alzheimer o di un’altra malattia legata alla demenza. Il secondo programma offre moduli di trattamento per persone con disturbi del campo psichiatrico generale. Diversi processi terapeutici sono utilizzati per il trattamento sotto forma di terapia individuale e di gruppo, terapia di attivazione, insegnamento della diagnostica avanzata, promozione delle abilità quotidiane, training, formazione della percezione sensoriale, aiuti alla memoria della propria identità e training dei metodi di comunicazione. La clinica diurna gerontopsichiatrica sgrava e supporta anche i familiari che si prendono cura dei malati nei loro compiti di assistenza e assume una funzione consultiva, affinché la vita quotidiana con i malati a casa possa essere gestita meglio.

I PDGR offrono una clinica diurna gerontopsichiatrica a Coira e Ilanz.

Trattamento ospedaliero

Presso la Clinica Beverin Cazis e la Clinica Waldhaus a Coira offriamo reparti di psichiatria gerontologica orientati al trattamento intensivo, alla cura e all’assistenza di persone anziane con disabilità multiple. L’obiettivo e il compito è quello di assistere e accompagnare i pazienti e i loro familiari in situazioni di crisi. Alcuni reparti sono a conduzione chiusa per la protezione dei pazienti.
Il lavoro si concentra sull’assistenza basata sui bisogni, il sostegno e la riabilitazione delle persone anziane mentalmente malate con demenza da lieve ad avanzata.

Reparto di psicoterapia della seconda metà della vita

Il reparto Cresta della Clinica Beverin Cazis è un reparto di psicoterapia per le persone nella seconda metà della vita. Sono curati i pazienti dai 55 anni in su che sono in crisi di vita o che soffrono di un disagio psichico. Gli sforzi terapeutici si concentrano sul superamento dei problemi specifici dell’età. Ciò comporta il superamento e l’elaborazione individuale e orientata alle risorse delle crisi attuali, delle esperienze di perdita, nonché il confrontarsi con la vecchiaia e le competenze psico-sociali perdute. Il trattamento ospedaliero viene effettuato secondo i principi della medicina basata sull’evidenza, tenendo conto delle attuali linee guida. Se necessario vengono utilizzati anche metodi naturopatici e fitoterapici.

La psichiatria forense si occupa delle questioni che i tribunali e le autorità pongono alla psichiatria. Questo settore di competenza copre l’area tra diritto e psichiatria che si pone ai medici, ai tribunali e alle autorità a causa dei problemi legali che si presentano nel trattare con le persone con disturbi psichici. Svolgiamo valutazioni e trattamenti psichiatrici, sociali e somatico-medici completi. Le attività del personale specializzato comprendono anche il trattamento psichiatrico e psicoterapeutico dei detenuti negli istituti di pena, nonché la consulenza e l’assistenza alle vittime di crimini violenti e altri traumi gravi.

Offerta e trattamento

Trattamento negli istituti di pena

L’assistenza psichiatrica di base dei detenuti è un compito del Servizio Forense Ambulatoriale. A questo scopo, presso l’istituto di pena “Tignez” di Cazis, vengono offerti consulti psichiatrici. Gli obiettivi sono il trattamento di malattie psichiatriche preesistenti o di crisi psichiche legate al carcere e le terapie di prevenzione della criminalità.

Perizie forensi

Il Servizio Forense Ambulatoriale si occupa delle perizie psichiatriche e del trattamento di persone che hanno commesso un reato in relazione a un disagio psichico. Le perizie di giustizia penale sono richieste dai clienti legali quando a causa delle condizioni psichiche di una persona ci sono dubbi sulla sua colpevolezza, cioè sulla sua capacità di identificare norme e leggi e di agire in conformità ad esse. Ci si occupa anche di questioni sulla prognosi e di aspetti della trattabilità di autori di reati con disagi psichici. Le perizie di diritto civile si occupano di solito del fatto se una persona, a causa di un disagio psichico, è limitata nei singoli aspetti dello stile di vita e della gestione della vita e se lo è in quali settori sono quindi necessarie misure ai sensi della legge sulla protezione degli adulti. Anche le questioni sulla capacità di giudicare o la capacità di disporre per testamento per certe situazioni della vita, solitamente complesse, possono far parte delle questioni di diritto civile. In perizie di psicologia del traffico si esamina dal punto di vista del diritto del traffico se la patente di guida può essere rilasciata nuovamente e/o se è possibile garantire l’idoneità alla guida. Sia nelle perizie che nei trattamenti sono utilizzate procedure psicologiche di test riconosciute per la diagnosi e la valutazione dello svolgimento.

Trattamento ospedaliero

I reparti forensi-psichiatrici di Nova e Selva della Clinica Beverin Cazis servono al trattamento psichiatrico e psicoterapeutico degli autori di reati con disagi psichici. Il trattamento ospedaliero è orientato al quadro clinico individuale specifico dei pazienti ed è anche particolarmente obbligato nei confronti della responsabilità verso il pubblico e nella protezione contro la recidiva. Il trattamento specifico, orientato a prevenire i delitti, mira a ridurre la probabilità di ricaduta. Nel trattamento, per ridurre i fattori di rischio e costruire fattori protettivi, sono inclusi la biografia, lo sviluppo della personalità e i disagi psichici. Il trattamento ospedaliero si concentra in particolare sulla valutazione e la gestione del rischio in relazione alla vita quotidiana, la diagnostica, la stabilizzazione dello stato psichico, l’aspetto dei farmaci, l’elaborazione di visioni della malattia, dei reati e del trattamento, l’elaborazione e l’attuazione di piani individuali di prevenzione dei reati, l’attuazione e la valutazione di livelli più elevati di allentamento e la preparazione ottimale per la scarcerazione. I reparti offrono un ambiente familiare per promuovere e stabilizzare il recupero fisico e psichico. Il reparto Nova sarà a conduzione chiusa, il reparto Selva a conduzione semiaperta o aperta.

Terapia di gruppo orientata per i delitti di autori di reati sessuali

Il programma di terapia di gruppo si basa sul concetto di “programma di trattamento per gli autori di reati sessuali” (BPS-R; Wischka et al., 2002). Offre un quadro adeguato all’analisi e al trattamento degli autori di reati sessuali e dei loro retroscena. Il programma di trattamento è suddiviso in una parte non specifica per i delitti e una parte specifica per i delitti. L’offerta ambulatoriale è suddivisa in 24 unità di programma e dura un anno e mezzo. La terapia di gruppo si svolge nella Clinica Beverin Cazis.

Le persone con disturbi della personalità tendono a percepire diverse situazioni con rigidi modelli interiori di esperienza e a reagire ad esse con modelli di comportamento e sentimenti altrettanto rigidi. C’è una mancanza di capacità di adattamento alle situazioni interpersonali. Le persone colpite reagiscono con modelli di comportamento fortemente pronunciati, appariscenti e sempre simili. Questi sono spesso inopportuni, non orientati alla soluzione e conflittuali. Di solito manca una comprensione della malattia e le persone interessate sono percepite da altre persone come complicate, impulsive o addirittura cattive. Vanno delimitati i cambiamenti di personalità che risultano da un estremo stress psicologico, da fattori di malattia medica o dall’influenza del consumo di droghe o di alcol.

Noi vi aiutiamo

Oggigiorno un disturbo borderline può essere curato efficacemente con programmi di trattamento specifici. Per lo più avviene un trattamento psicoterapeutico con terapia psicoanalitica o psicologica di profondità e la terapia cognitivo-comportamentale. L’uso di farmaci può essere utile o diventare necessario. Esso può alleviare sintomi come paura, ansia, impulsività, sbalzi d’umore o depressione. La sofferenza e gli effetti negativi sulle relazioni sociali sono ridotti e permettono una vita quotidiana ordinata.

Sintomi

La composizione e l’intensità dei sintomi variano molto da paziente a paziente. La vita quotidiana è caratterizzata da crisi, conflitti relazionali, difficoltà sociali e non raramente da comportamenti autolesionistici. Le persone colpite sono esposte a forti sbalzi d’umore e spesso reagiscono in modo impulsivo. La malattia di solito comincia all’inizio dell’età adulta. La sensazione di vuoto interiore e la grande paura dell’abbandono si alternano a comportamenti autolesionistici – tagliarsi, abuso di droghe o alcol, eccesso di cibo, guida spericolata, spese elevate, frequenti cambi di partner sessuali, tendenze suicide croniche o violenti scoppi di rabbia. Per via delle diverse costellazioni esistono diversi tipi e sottotipi di disturbi di personalità, come ad es. il disturbo di personalità paranoico, ossessivo-compulsivo, narcisistico o il disturbo di personalità emotivamente instabile del tipo borderline.

Cause

Il disturbo di personalità borderline è un disturbo dello sviluppo della prima infanzia, che di solito è associato a una o più esperienze traumatiche come fattori scatenanti. Il disturbo di personalità è principalmente un disturbo di relazione. Le persone colpite non hanno potuto sperimentare nell’infanzia che una stessa persona può essere sia buona che cattiva. La maggior parte dei pazienti borderline ha subito abusi durante l’infanzia. Come strategia di sopravvivenza le persone colpite hanno imparato a separarsi dagli eventi negativi e stressanti.

Nella maggior parte delle culture geografiche finora studiate, circa lo 0,5-1% della popolazione si ammala di schizofrenia almeno una volta nella vita. Si tratta di una malattia che di solito comincia all’inizio dell’età adulta e, se non trattata, ha spesso conseguenze di vasta portata in vari settori della vita. Il termine “schizofrenico” significa “divisione dell’anima”, cosa che descrive il fatto che i malati in fase acuta conoscono e percepiscono due realtà. In queste fasi acute della malattia essi vivono cose e percepiscono impressioni sensoriali che le persone sane non possono capire. Al giorno d’oggi la medicina presuppone che una delle cause sia un disturbo dello sviluppo del cervello geneticamente determinato. È importante che la malattia venga individuata e trattata precocemente per garantire la partecipazione sociale.

Noi vi aiutiamo

Una psicosi schizofrenica oggigiorno può essere curata. Quanto prima viene diagnosticata e trattata una psicosi, tanto migliore è la prognosi. Oltre al trattamento farmacologico è molto importante informare il paziente e il suo ambiente sulla malattia e sulle possibilità di terapia. Spesso ci sono grandi pregiudizi che rendono difficile il successo. Oltre al trattamento dei sintomi acuti è fondamentale che sia avviata la prevenzione delle ricadute. Non si tratta solo della componente farmacologica, bensì anche di fattori di stile di vita, di come affrontare lo stress e di aumentare l’autoefficacia.

Sintomi

Per lo più si tratta di una malattia che si verifica a fasi. Ciò significa che ci sono fasi con sintomi evidenti della malattia e fasi in cui la malattia è meno pronunciata. Sintomi non specifici come disturbi della concentrazione o sintomi affettivi possono predominare nelle fasi più stabili. Nelle fasi acute si verificano esperienze deliranti, allucinazioni e chiari disturbi del processo di pensiero.

I forieri di una psicosi schizofrenica incipiente possono essere:

  • Aumento del nervosismo
  • Instabilità psichica generale
  • Ritiro sociale e isolamento
  • Distrazione
  • Rapido affaticamento
  • Evidente debolezza mnemonica e della concentrazione
  • Deliri
  • Allucinazioni
  • Disturbi dell’io

Cause

Le psicosi schizofreniche possono avere varie cause. Malattie del cervello come tumore, processi infiammatori o di degradazione (demenza), uso di droghe, malattie metaboliche o altre malattie organiche possono portare all’insorgenza di psicosi. Possono verificarsi tuttavia anche in una depressione grave o nelle malattie maniaco-depressive, dove tra una depressione e l’altra compare un senso di autostima esagerato e malato, con un’attività eccessiva e un comportamento rischioso. Spesso le dipendenze e la schizofrenia si manifestano insieme. Da un lato gli episodi schizofrenici possono essere scatenati da droghe, e dall’altro le droghe che creano dipendenza possono essere consumate dai pazienti nel senso di “automedicazione”. È importante trattare entrambe le aree di malattia, tenendo conto dell’influenza reciproca e dell’effetto combinato anche sulle conseguenze sociali.

La dipendenza da sostanze può essere suddivisa in consumo rischioso, consumo nocivo e dipendenza. Il consumo rischioso descrive un consumo che è associato ad un rischio significativamente maggiore di danni alla salute. Il consumo nocivo è caratterizzato dal fatto che si è già verificato un disturbo fisico o psichico.

Noi vi aiutiamo

Per un successo della terapia è importante che la terapia, oltre all’offerta terapeutica obbligatoria, sia adattata ai problemi individuali e agli obiettivi personali del paziente. Questa procedura terapeutica presuppone il desiderio del paziente di cambiare qualcosa nel proprio comportamento e nei propri atteggiamenti. Il team di trattamento supporta il paziente nel riorientamento e nella costruzione di una vita senza sostanze che creano dipendenza. Il team di trattamento utilizza in modo mirato terapie specifiche per le dipendenze, come quelle mediche, socioterapeutiche, curative e psicologiche e coordina individualmente il trattamento con il paziente.
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) una dipendenza viene diagnosticata se vengono soddisfatti i seguenti criteri:

  • Un forte desiderio o una sorta di costrizione a consumare la sostanza in questione
  • La ridotta capacità di controllo riguardo l’inizio, la fine e la quantità del consumo
  • Una sindrome da astinenza fisica quando il consumo viene interrotto o ridotto
  • La prova di uno sviluppo di tolleranza (sono necessarie quantità sempre maggiori per ottenere lo stesso effetto)
  • Progressiva negligenza di altri interessi a favore del consumo di sostanze
  • Consumo continuato della sostanza nonostante le prove di effetti chiaramente dannosi di cui il consumatore è ovviamente a conoscenza

Sintomi

I sintomi della dipendenza da sostanze variano da sostanza a sostanza. In generale si può dire che da un lato ci sono sintomi che possono essere attribuiti all’effetto diretto della sostanza, come lo sballo, la stanchezza e la sonnolenza fino al coma, la disinibizione, l’aumento della disponibilità ad assumere rischi, l’effetto sull’organismo con danni alle cellule nervose e agli organi interni. In secondo luogo ci sono una varietà di sintomi che possono verificarsi come risultato di una dipendenza da sostanze a lungo termine. Questi includono, ad es. in caso di dipendenza da alcol, danni al fegato e lo sviluppo della sindrome da demenza e altri gravi danni conseguenti.

Cause

La dipendenza dalle sostanze è una genesi multifattoriale, il che significa che ha varie cause. Da un lato c’è una predisposizione ereditaria, dall’altro ci sono fattori ambientali che esercitano un’influenza. Tra questi ci sono gli eventi della vita, ma anche la struttura della personalità, che giocano un ruolo decisivo. Spesso le dipendenze e la schizofrenia si manifestano insieme. Da un lato gli episodi schizofrenici possono essere scatenati da droghe, e dall’altro le droghe che creano dipendenza possono essere consumate dai pazienti nel senso di “automedicazione”. È importante trattare entrambe le aree di malattia, tenendo conto dell’influenza reciproca e dell’effetto combinato anche sulle conseguenze sociali.

Consulenza sulle dipendenze

La nostra consulenza sulle dipendenze si rivolge ai consumatori che hanno domande su come affrontare la loro dipendenza. L’offerta è rivolta anche ai familiari delle persone che soffrono di dipendenza. I consumatori di cocaina e cannabis sono curati in specifiche ore di consultazione utilizzando un manuale comportamentale strutturato. Il trattamento individuale dura di solito 16 settimane. Su richiesta si effettuano anche colloqui di coppia e familiari.
Al centro del trattamento ci sono:

  • Trattamento tematico strutturato secondo il manuale
  • Assessment: registrazione dei problemi rilevanti per la dipendenza attraverso un chiarimento dettagliato e approfondito e l’identificazione delle opzioni di trattamento necessarie e sensate
  • Anamnesi della dipendenza
  • Trasferimento di conoscenze sulle sostanze e i loro effetti
  • Discussione sulla propria comprensione della dipendenza
  • Profilassi di ricaduta
  • Come affrontare il craving (desiderio impulsivo)
  • Sviluppo di strategie
  • Collegamento in rete

Gli orari di consultazione si svolgono nei locali dell’Ambulatorio Neumühle di Coira.

Fase di astinenza

Oltre all’assistenza medica l’offerta consiste in bagni rilassanti, massaggi, fitoterapia, agopuntura e impacchi. In caso di emergenze mediche o complicazioni collaboriamo con ospedali somatici. In caso di astinenze parziali il sostituto può essere somministrato in una dose terapeuticamente utile, ulteriori sostanze vengono eliminate. La fase di astinenza dura per diversi periodi di tempo, a seconda della sostanza da cui si è dipendenti. Si concorda con il medico e con il personale infermieristico come effettuare l’astinenza fisica.

Fase di stabilizzazione

Dopo una settimana di fase d’astinenza il team discute con il paziente l’ulteriore procedura. In linea di principio a ciò fa seguito il passaggio alla fase di stabilizzazione. La condizione per questo è un campione di urina negativo. Per i pazienti che non possono partecipare al programma della fase di stabilizzazione a causa di una ridotta capacità fisica o psichica (età, condizioni generali o nutrizionali ridotte, incidente/operazione), l’offerta è adattata individualmente alle loro capacità.

Fase di terapia

Offriamo un programma di astinenza per il trattamento della dipendenza da alcol, cannabis e farmaci basato su un approccio cognitivo e comportamentale-terapeutico. La base del nostro lavoro è quindi la terapia comportamentale cognitiva con elementi terapeutici specifici, come la terapia individuale, il training delle competenze sociali, lo skilltraining specifico per le dipendenze e la psicoeducazione.

La terapia di disintossicazione vi aiuta a:

  • Accettare la dipendenza mentalmente ed emotivamente e a comprendere la malattia
  • Comprendere le connessioni tra l’uso di sostanze che creano dipendenza e il proprio stile di vita e la storia della propria vita
  • Scoprire alternative all’uso di sostanze che creano dipendenza
  • Mobilitare risorse proprie per la risoluzione dei problemi
  • Recuperare la forma fisica
  • Attraverso l’astinenza sperimentare la soddisfazione, migliorare la qualità della vita e aumentare l’autostima
  • Riconoscere i rischi di ricaduta o interrompere ed elaborare le ricadute in una fase iniziale
  • Mantenere un rete di rapporti sociali esistente o costruirne una nuova

Trattamento assistito da oppiacei

Il trattamento presso l’ambulatorio Neumühle di Coira si rivolge a persone gravemente dipendenti dagli oppiacei per le quali altri metodi terapeutici non sono stati efficaci o per le quali non è indicato nessun altro trattamento a causa di aspetti sanitari. Oltre al trattamento con Diaphin® altri oppioidi possono essere utilizzati come agenti sostitutivi per i pazienti gravemente dipendenti da oppiacei (ad es. metadone, buprenorfina, morfina a rilascio ritardato). L’iscrizione viene effettuata da un partner di trattamento (ad es. medico di famiglia), da un consulente per le dipendenze o direttamente dal paziente stesso.

 

L’acufene contrassegna tutti i tipi di rumori dell’orecchio o della testa. L’ipersensibilità patologica al suono è chiamata iperacusia. I suoni udibili sono percepiti come troppo forti e sgradevoli o addirittura dolorosi ad intensità relativamente moderata. Dal 30 al 40% degli interessati da acufene soffre anche di iperacusia.

Noi vi aiutiamo

Ogni acufene richiede un chiarimento medico, che offriamo nella nostra clinica per l’acufene presso la Clinica Waldhaus di Coira. L’acufene è raramente un sintomo di una malattia organica della via uditiva centrale. L’acufene scompensato è una malattia psicosomatica, poiché malattie psicologiche e limitazioni sociali accompagnano i disturbi fisici.

Sintomi

  • Comparsa di difficoltà ad addormentarsi e di dormire con continuità
  • Esaurimento
  • Nervosismo e inquietudine interiore
  • Paura riguardo al futuro personale e professionale
  • Irritabilità e labilità emotiva
  • Umore triste e apprensione
  • Pensieri suicidi

Cause

  • Stress
  • Perdita dell’udito
  • Problemi alla vertebra cervicale
  • Problemi nella zona dei denti e della mascella
  • Malattie interne come ipertensione, diabete mellito o disturbi del metabolismo dei grassi
  • Ascolto della musica a volume troppo alto

Un trattamento di successo è possibile solo attraverso un approccio terapeutico multimodale. Oltre ad un esame dettagliato dell’orecchio, del naso e della gola e ad una consultazione, vengono utilizzati vari approcci psicoterapeutici, fisioterapici e, se necessario, di trattamento farmacologico. Con l’obiettivo di trovare un modo più favorevole – nel migliore dei casi anche sensato e creativo – di affrontare i disturbi, si sviluppa innanzitutto un concetto soggettivo di malattia. Il concetto permette di comprendere le connessioni psichiche e fisiche e di ridurre la sensazione di impotenza nei confronti dei disturbi. Qui l’esperienza dell’autoefficacia e della cura di sé giocano un ruolo centrale. Le parti positive della percezione dell’ascolto devono essere promosse e la rinnovata gioia dell’ascolto deve essere comunicata.

Nei disturbi ossessivo-compulsivi – da non confondere con i rituali – gli interessati sentono una forte pressione interiore a compierle ripetutamente delle azioni, anche se sanno quanto sia senza senso. I disturbi ossessivo-compulsivi sono incontrollabili come i pensieri compulsivi, che si ripetono più e più volte, causando paura, disagio e tensione. Le cause sono molteplici, possono essere genetiche, psicologiche o organiche, a volte lo stress o altri fattori ambientali danno il via al disturbo. A volte il disturbo ossessivo-compulsivo porta alla depressione o all’ansia. Infine, ma non per questo meno importante, alcuni di coloro che ne sono colpiti sviluppano un comportamento che crea dipendenza come strategia di superamento.

Noi vi aiutiamo

Nelle terapie conversazionali e comportamentali si riesce a stabilizzare le persone con disturbi ossessivo-compulsivi a tal punto che riacquistano una buona autostima e possano condurre una vita autodeterminata. Alcune persone hanno anche bisogno di assistenza medica durante questo processo. Mostriamo alle persone interessate anche strategie di superamento e come affrontare i loro disturbi nella vita di tutti i giorni. A volte una guarigione completa non è sempre possibile. Tuttavia, dopo una terapia le persone interessate sono meno esposte alla loro malattia. Hanno imparato a vivere con certi disturbi ossessivo-compulsivi e ad affrontarli bene.

I familiari sono colpiti e gravati dalla crisi o dal disagio psichico di una persona vicina, ma sono un grande sostegno per i pazienti in un momento difficile. Ha senso coinvolgere i familiari o altre persone di riferimento nel trattamento attraverso conversazioni o informarli sul decorso del trattamento da parte del paziente o dell’assistente di riferimento. Per noi il lavoro con i familiari significa un atteggiamento aperto, riconoscente, informativo, integrativo e di sostegno, che è appoggiato da tutti e ulteriormente sviluppato nello scambio interdisciplinare. Il coinvolgimento attivo del paziente e dei familiari nel processo di trattamento avviene laddove possibile, in modo proporzionato e ragionevole.
Siamo molto interessati al vostro feedback in qualità di familiare. Inviateci i vostri commenti, reclami o suggerimenti di miglioramento all’indirizzo info@pdgr.ch. In qualità di familiare avete accesso a vari servizi di supporto, consulenza e informazione.

Orari di visita dei pazienti ricoverati

I pazienti possono ricevere visite giornaliere. Vi consigliamo di concordare le vostre visite in anticipo con il personale infermieristico del reparto e/o della clinica diurna corrispondente. Per motivi terapeutici l’orario di visita può essere limitato o prolungato.

Consulenza

Colloqui individuali

Voi, in qualità di familiari, siete una parte importante nell’accompagnamento di persone con un disagio psichico. Siete coinvolti nella vita quotidiana delle persone interessate e avete una grande responsabilità, ma fate anche parte di un sistema di aiuto professionale. Più i familiari acquisiscono conoscenze sulla rispettiva malattia e su come affrontarla, più possono essere d’aiuto a situazioni quotidiane stressanti. All’insegna del motto «Insieme invece che da soli», nel corso di colloqui personali rispondiamo a domande sulla malattia, su come affrontare le situazioni di vita difficili e sulle possibili offerte di aiuto per voi familiari. Per la consulenza ai familiari contattate in primo luogo la persona di riferimento che si prende cura del paziente oppure Eduard Felber, direttore dell’assistenza infermieristica, telefono 058 225 20 10, eduard.felber@pdgr.ch. Il servizio di consulenza è gratuito e ha luogo dopo appuntamento telefonico. I colloqui sono riservati e sono soggetti all’obbligo di segretezza.

VASK: Associazione «Familiari delle persone con disagio psichico»

La «VASK» offre i seguenti servizi ai familiari di persone con disagio psichico:

  • Aiuto in situazioni di emergenza attraverso la discussione e lo scambio di esperienze
  • Supporto nella ricerca di vie d’uscita e di alternative
  • Stimoli ad aiutare se stessi
  • Mediazione di indirizzi, uffici, istituzioni
  • Conduzione del luogo d’incontro Atelier: luogo d’incontro per persone con disagi psichici e persone in convalescenza da disagi psichici
  • Trialog: gruppo di discussione tra «esperti per esperienza», familiari e professionisti

PSICHIATRIA BAMBINI E ADOLESCENTI

Alcuni bambini e adolescenti in difficoltà psichica non osano parlare apertamente dei loro problemi o non hanno un confidente. Il nostro reparto di psichiatria infantile e adolescenziale supporta i bambini, gli adolescenti, i genitori e le famiglie nella risoluzione di vari problemi di vita.

ABITARE ASSISTITO / LUOGHI DI LAVORO PROTETTI

I gruppi abitativi e i laboratori dei PDGR consentono una «partecipazione» di successo dove non sarebbe possibile senza offerte e aiuti. I lavoratori, i pensionati e i gruppi abitativi si trovano in località integrate e vicine ai comuni dei Grigioni settentrionali, centrali e meridionali.

Le varie offerte stazionarie, semi stazionarie e ambulatoriali sono rivolte ad adulti con disabilità psichiche o mentali, di solito destinatari di una assicurazione d’invalidità.

 

Sedi Grigioni Italiano

 

Sedi interregionali